COME ESSERE FOTOGENICI
e migliorare la fotogenia

Fotogenia, una definizione

La fotogenia è una qualità di alcuni soggetti che consente loro di apparire esteticamente attraenti in fotografia, a volte anche più attraenti che nella realtà. Contrariamente a quanto si possa pensare, la fotogenia non è un concetto astratto o arbitrario: alcune caratteristiche somatiche, non necessariamente riproducenti i canoni estetici tradizionali, determinano la buona riuscita o meno di un soggetto in una foto. Paradossalmente, quindi, anche un bel viso potrebbe risultare poco gradevole in foto.

Questo articolo non vuole essere una analisi tecnica della fotogenia ma un insieme di suggerimenti per migliorarla. Vediamo quindi insieme alcune pose, tecniche e consigli pratici per apparire al meglio in foto.
Essere fotogenici

Stando alla definizione, essere fotogenici sembra sia una dote innata in alcune persone. In parte è vero: i canoni estetici (comunque mutevoli nel tempo) esistono e formano la diffusa percezione del bello. Esistono quindi delle donne e degli uomini che, in un dato momento e per una data cultura, incarnano alla perfezione la rappresentazione diffusa del bello e sicuramente sono avvantaggiati rispetto ai "comuni mortali" che invece tale percezione non rispecchiano in pieno.

Al di là di queste considerazioni, dobbiamo partire da un dato di fatto: chiunque può migliorarsi. Esistono infatti alcuni atteggiamenti (fisici e mentali) che, se conosciuti, possono aiutare tutti a mostrarsi al meglio, a prescindere dal "bello" che naturalmente emanano. Non si tratta certo di regole magiche: persone e situazioni sono sempre diverse e occorre innanzitutto maturare la consapevolezza che apparire bene in foto significa essenzialmente essere se stessi.

I suggerimenti e le considerazioni che seguono ti aiuteranno a catturare la tua naturale bellezza, a conoscerti. Ogni regola va fatta propria e adattata alle proprie caratteristiche. Attenzione quindi a non esagerare nel cercare atteggiamenti non "tuoi": finirai per sembrare quello che non sei.
Indossa colori che ti si addicono

Certi colori sono complementari a determinate carnagioni (un esempio banale: colori scuri per le persone dalla carnagione chiara o bionde), altri tendono a sottolinearne i difetti. Non dimenticare di prendere in considerazione il tuo colore di capelli e occhi. Dovresti già sapere o capire facilmente quali sono i colori che addosso ti stanno meglio, ma se non è così, fai qualche ricerca e vai per tentativi.
Scegli gli abiti giusti

Si, ma senza esagerare. Gli eccessi sono difficili da gestire: evita un super abito in cui non ti senti davvero in forma e sicura di te o, al contrario, abiti dimessi e sottotono. Cerca anche di non indossare abiti con troppi disegni o colori: distoglieranno l’attenzione dal tuo viso. Chiedi un consiglio a persone competenti e disinteressate, ma pensa innanzitutto a trovarti a tuo agio in quello che indossi.
Nascondi le tue imperfezioni

La cosa brutta delle fotografie è che le immagini congelano una determinata angolatura in un determinato momento, senza mostrare tutte le tue qualità. La cosa bella è che è possibile sfruttare a tuo vantaggio questa caratteristica: se ti conosci, puoi nascondere o ridurre certi tuoi difetti e mostrarti al meglio.
Trova il tuo lato migliore

Trovare la giusta angolatura per il tuo viso o per il tuo corpo può richiedere molta pratica: devi imparare a conoscerti. La cosa migliore è fare delle prove usando una fotocamera digitale in modo da poter vedere immediatamente il risultato di ciascuna posa. Solo così puoi valutare velocemente quali sono le angolature che ti donano di più e che utilizzerai il più possibile in futuro.
La classica posa di una modella per un ritratto è di 1/4 rispetto alla macchina fotografica, con una spalla più vicina alla macchina rispetto all’altra. Questa posa non è necessariamente la migliore in assoluto, ma può essere meglio di una foto perfettamente frontale.
Se la foto è a figura intera, una posa classica è quella con il tuo corpo a 45 gradi rispetto alla fotocamera: stai con un piede incrociato davanti all’altro, rilassa le braccia lungo il corpo e sposta tutto il tuo peso sulla gamba posteriore, girando la testa verso l’obiettivo. Questa posa sfila ed è sempre attraente.
Relax

Molte persone smettono di guardare in modo originale alla fotocamera perché si irrigidiscono in espressioni con il tipico sorriso da "dite cheese".
Se di solito vieni male nelle foto, molto probabilmente è la macchina fotografica che ti innervosisce e questo non fa che peggiorare le cose. Se sai che ti stanno per scattare una foto, fai un bel respiro e butta fuori l’aria con tranquillità, rilassando braccia, schiena e spalle.
Non appena espiri, rilassati e prova qualsiasi posa sia appropriata (una posa che sai che ti dona), ma soprattutto segui i consigli del fotografo. Non trattenere il respiro, altrimenti sarà chiaro anche in foto che in quel momento stavi soffocando...
Se vedi che la foto fatica a venire, niente panico: assumi posizioni diverse. Continua a muoverti, a fare quello che stavi facendo e cerca di ignorare la macchina fotografica. La foto potrebbe non venire perfetta al primo colpo, ma avrai sicuramente una chance in più. Negli shooting professionali le fotocamere catturano così tanti scatti da assomigliare di più a delle telecamere: solo così il fotografo può scegliere il meglio. Ci vuole pazienza, ma più sembrerai rilassata e a tuo agio, maggiori sono le possibilità che la foto riesca. Spesso una buona foto di una modella alle prime armi arriva dopo molte prove, semplicemente perché alla fine ha sciolto tutta la tensione.
Non è detto che fotogenici si nasce

Non è tutta una questione di canoni estetici. Spesso chi è fotogenico lo è anche perché semplicemente gradisce che gli siano scattate foto. La buona notizia è che sentirsi rilassati e felici davanti a una macchina fotografica può anche essere una questione di esercizio.
Se non riesci proprio a sviluppare un amore genuino per la macchina fotografica, convinciti che ti piaccia! Immagina che sia qualcuno che ami, un caro vecchio amico, una tua fiamma, tuo figlio a 3 anni, un muffin al cioccolato o qualsiasi altra cosa che ti faccia guardare alla macchina fotografica con amore! Provaci, funziona davvero!
Pensa cose belle

Un sorriso innaturale e forzato, protratto senza senso, è quanto di peggio esista in un ritratto. Per evitarlo cerca di sorridere solo al momento giusto e solo se sei veramente contenta, come se fossi con una amica che ti ha appena raccontato una notizia incredibile. Non solo: se riesci a pensare a qualcosa di davvero divertente (non avere paura di ridere un po’) o a qualcosa che ti rende felice non devi sforzarti di sorridere e trattenere l’espressione perché sarai già ben disposta.
Sorridi con gli occhi

Niente è capace di trasmettere felicità e bellezza come occhi che sorridono, in una espressione felice e furba. Questa freschezza nasce solo dal tuo stato d’animo: non forzare i tuoi atteggiamenti e stai serena. Immagina che la fotocamera sia una persona gradita in cui ti imbatti per caso tra la folla. Durante gli scatti tutto quello che ti serve è conoscere davvero te stessa e ignorare ciò che hai attorno. Stai bene con te stessa? Dimostralo!
Assumi una postura corretta

Una buona postura può straordinariamente migliorare il tuo aspetto in fotografia. Ricordati semplicemente di respirare normalmente e di rilassare le spalle e il collo. Soprattutto se sei abituata a tenere una cattiva postura, potrà risultare difficile stare dritta e non sembrare rigida, dunque allenati davanti allo specchio. Attenzione: tirare indietro la pancia ti farà apparire senza dubbio scomoda e quindi anche poco attraente.
Tieni d’occhio le zone lucide

È importante limitare la lucidità nella famigerata zona T: naso e fronte. Specialmente in una giornata calda, anche il soggetto più attraente potrebbe apparire sudato davanti a una macchina fotografica. Un buon makeup di base che sappia anche controllare il sebo è fondamentale per chiunque voglia una pelle compatta e sana. Modelle e star del cinema non necessariamente hanno una carnagione perfetta: è il trucco (o il fotoritocco) che copre le imperfezioni ed esalta i punti di forza del viso. Ma mai esagerare: un trucco leggero è sempre preferibile.
Il tuo viso in equilibrio

Guarda fisso il tuo viso riflesso in uno specchio. Dopo un po’ raggiungerà la sua condizione normale, con tutti i muscoli rilassati: quando il tuo viso è in equilibrio è il momento di capire come puoi sfruttare al meglio la tua personalissima mimica facciale.
Per prima cosa disattiva la regione dei tuoi occhi e attiva la regione della bocca. Muovi le labbra e osserva. Esercitati a sorridere davanti allo specchio. Capirai subito quale sorriso sembra falso e quale è il più attraente. Sorridi usando i denti superiori: potrà farti sentire poco naturale ma sorridere mostrando tutti i denti può facilmente risultare falso. Oltre a sorridere prova a rilassare la zona della bocca: è un modo naturale per apparire fresca e attraente nelle foto.
Continuando ad osservarti, poi, prova un’espressione più seria. Concentrati sempre sulla bocca: non stringere i denti, semplicemente assicurati che i molari inferiori e superiori si tocchino.
Infine concentrati sugli occhi: accentua gli angoli dei tuoi occhi, socchiudi molto leggermente le palpebre e renderai più intensa ogni espressione, sia seria sia divertita. Ma non dimenticare mai le cose fondamentali per una buona foto: allegria e sicurezza.
Le foto degli altri

Studiare immagini di modelli e di altri soggetti fotogenici può essere un buon inizio. Ma non provare solo a imitare le loro pose: adattale piuttosto al tuo carattere e al tuo modo di essere. Non si deve notare nessuna forzatura, pensa semplicemente a mostrare te stessa al meglio.
Prova, prova e prova ancora

Fai qualche prova e chiedi ai tuoi amici più intimi di guardare le foto che hai scattato per aiutarti a capire quale sia quella in cui sei venuta meglio. Spesso, l’occhio critico di un’altra persona può essere un grande aiuto.

FP staff